Ciao, Pegi. Sarai sempre un esempio

Avrei voluto dedicare, e l’ho scritto poco tempo fa, un articolo a Pegi Young. L’ho citata la scorsa primavera nella mia rubrica su Libertà. Scopro oggi, con sincera tristezza, che è scomparsa a 66 anni.

Pegi lascia due figli, di cui uno gravissimo, avuti dall’ex marito Neil Young. E una chitarra appoggiata al muro, che imbracciava dignitosamente, a dispetto dell’inevitabile ombra del celebre marito. Soprattutto, lascia in eredità (si spera) ai suoi collaboratori la gestione di quell’immensa realtà, voluta insieme a Neil e da lei diretta in prima persona, della Bridge School Community (che ha ospitato concerti benefici favolosi, in cui gli artisti si spogliavano del loro glamour per donarci il loro nudo cuore), dove gli spastici e i ragazzi con gravi deficit fisici e neuropsichiatrici possono ricevere un’istruzione e trovare, oltre che accoglienza e aiuto, la dimensione adatta alle proprie aspirazioni.

Della compagna fedele e straordinariamente generosa che è stata Pegi, sappiamo dallo stesso Neil Young, che nella sua autobiografia ne ha scritto con gratitudine e affetto. Contemporaneamente, Neil ha ritenuto – dopo una vita (e un progetto di vita) insieme – di mollarla per l’attrice Daryl Hannah, sulla quale non mi pronuncio (troverete dibattiti on line sulle sue vicissitudini antiche con Jackson Browne e John F. Kennedy Jr). Allo stesso modo, non ho niente da dire sulle scelte senili che tante persone – uomini e donne, non solo vip – compiono in tarda età, con svolte tanto strabilianti quanto incomprensibili a chi ne è fuori. Non le giudico.

E oggi, se permettete, non mi sento di criticare musicalmente Pegi. Possiedo alcuni suoi album, vi invito ad approfondirne la conoscenza.

Stamattina, davanti a una tazza di caffé lungo ormai raffreddato, penso solo, con una stretta al cuore, ai figli di Pegi. Alla sua riservatezza a proposito dei gossip e del divorzio da Neil. Alla sua sofferenza, che ha cantato recentemente senza mai perdere compostezza. Mantenersi coerenti, senza permettere al dolore di prevalere sui propri valori, è una grande opera umana.

Osservo le immagini sorridenti di Pegi. E lo confesso: lei è stata una di quelle donne che avrei sempre voluto essere e alla quale continuerò a guardare, lasciando le star di Hollywood (e de noi antri) a Novella 2000.

Costello speaks

La mia intervista a Elvis Costello sul nuovo numero di Classic Rock in edicola. L’ho intervistato a Londra, in occasione del lancio di “Look Now” alla BBC 2, ma quel titolo non sarebbe stato possibile senza il prezioso suggerimento di Ermanno Labianca.

In arrivo, prossimamente sul quotidiano Libertà, la mia intervista a Roger Daltrey degli Who.

Che dire, a questo punto, se non… Look Now!

Keep on walking

E867182F-2110-4DAF-8F3A-33AB56DBCA8F

Spero di vedervi alle prime presentazioni del mio libro su Simon&Garfunkel. Quest’anno ne farò poche, il lavoro al quotidiano viene prima di tutto, la musica mi trattiene (e ci sarà un progetto “consistente” prossimamente) e, soprattutto, fare la mamma di un 12enne per me è la priorità assoluta.

Spero, dunque, di vedervi. A partire da venerdì sera a Legnano, con lo staff di Mescalina, grazie all’amico Gianni Zuretti, persona colta e appassionata.

Poi a Bergamo, il 9 novembre (guardate i social per saperne di più), ospite di “Bergamo racconta”, grazie all’amico springsteeniano (e non solo) Massimo Trapletti. Infine a “Bookcity” a Milano, sabato 17 novembre alle 19 (spulciate il programma e i giornali) per una serata coi fiocchi in cui rivedrò Claudio Todesco, un mito del giornalismo musicale e persona di rare qualità umane (ormai gli stronzi non li reggo più).

A Piacenza, grazie alla disponibilità di Piero Verani, organizzeremo un evento con i Cinemaniaci, qualcosa di diverso dal consueto, e sono lieta di anticipare che nel corso delle presentazioni ci sarà sempre qualcosa di originale, musica e altro, non solo “bla bla bla”. Confido in un dialogo con interventi del pubblico, i monologhi son belli solo a teatro.

Prometto di tornare a Firenze e a Roma nel 2019 (come potrei non farlo, là ci sono Leonardo Rescic, che ha messo a disposizione le sue foto del concerto di Paul Simon a Hyde Park, e Filippo De Orchi, che per me è un mito della fotografia rock – inoltre è alto come Pete Townnshend…).

Per il resto, guardatevi/ascoltatevi le 4 puntate di Jools Holland alla BBC 2. Lì, ho imparato tante cose sul mestiere dell’autore di un programma. Non so se mi ricapiterà di lavorare ancora a Londra, ma ringrazio Elvis Costello per aver fatto il mio nome.

My aim is true.

 

 

 

 

Tra Classic Rock e la BBC

Sul numero di ottobre di Classic Rock, con copertina dedicata ai Nirvana, trovate un’intera (!) pagina in cui il bravo Lucio Mazzi mi intervista, in attesa dell’imminente uscita del mio nuovo libro su Simon&Garfunkel. Presto scriverò un post con dettagli, date e luoghi dove si terranno alcune presentazioni. Non saranno tantissime e nelle righe seguenti scoprirete il perché.

Sempre a proposito di Classic Rock, vi segnalo su questo numero un bellissimo articolo di Renzo Stefanel dedicato a Keith Moon, un musicista – non solo un “personaggio” – da celebrare indipendentemente dagli anniversari.

Nel prossimo numero della rivista (novembre) troverete invece una mia lunga intervista a Elvis Costello, che mi ha voluta tra i giornalisti autori dello speciale che la BBC Radio 4 di Londra gli ha appena dedicato. L’esperienza è stata molto positiva, oltre che lusinghiera, e mi è stata proposta una consulenza per realizzare le interviste del programma di Jools Holland. Si tratta di un lavoro di ricerca e preparazione delle domande agli artisti e alle band che vengono ospitate di volta in volta. Sto organizzando la mia vita su più fronti, ma – come canta il mio adorato Lindsey Buckingham, che purtroppo in questo periodo non potrò seguire in tour – I walk a thin line: quando non faccio la mamma scrivo (o impagino), quando non scrivo suono le percussioni (ho appena superato l’esame di ammissione al triennio di I livello al Conservatorio), quando non suono mi sposto a Londra in giornata, riuscendo a rientrare col volo delle 6.50 del mattino seguente per sedermi puntuale alla scrivania, in redazione a Piacenza, e andare a prendere Pietro quando esce da scuola alle 13. Poi c’è un’imminente tesi di laurea sul rapporto tra Musica ed Empatia, fortemente ispirata dalle lezioni del professor Giacomo Rizzolatti, un luminare che mi ha insegnato, tra le altre cose, l’umiltà e la passione nel condividere grandi obiettivi. Una parte in un film appena girato, monologhi teatrali, minestroni da preparare e da mettere in freezer per l’inverno.

Potrei dire di essere felice, e in effetti è così, ma credo che dovrò ritagliarmi spazi di riposo. Riposo e basta. Non so come, ma in tutto questo c’è anche la voglia di stare con i piedi sul tavolino e rilassarmi – stato al quale ormai ambisco profondamente senza tuttavia approdarvi. Si fanno avanti molti incontri eccitanti, ma poco tempo per coltivare amicizie. Magari riusciremo a vederci in qualche presentazione, sarebbe bello.

Ringrazio sin da ora chi riserverà attenzione al mio libro. Che queste mie parole siano una vigorosa stretta di mano.

Il mio concerto dell’anno è già qui (donne che corrono coi lupi)

maxresdefault

Ormai dovreste saperlo, che questo è il mio luogo privilegiato in cui svelare certi segreti…

Dopo l’annuncio a sorpresa di un concerto che Peter Wolf avrebbe tenuto al Lincoln Center di New York, mi sono attaccata al telefono per discutere 2 ore con un’addetta alle prenotazioni Alitalia. Tono della chiamata: urgentissimo, per non dire disperato. Minacciosamente, sono riuscita ad anticipare il mio volo di un giorno, senza penali. Il motivo (per me, in effetti, urgentissimo) era che io quel concerto non  potevo perdermelo. Con tutti i pro e i contro del caso.

Eccone alcuni.

Pensavo di aver visto degli strabilianti Rolling Stones a Londra, con  Mick Jagger e Keith Richards in formissima. Così è stato, ma Peter Wolf li ha un pochino annebbiati. Credevo che il mio concerto dell’anno fosse quello di Paul Simon a Londra. Emozionante, ma Peter Wolf l’ha un pochino annebbiato. Per non parlare degli altri che mi sono piaciuti: Bonnie Raitt, James Taylor, David Byrne…

142225531-612x612

Mi sa tanto che di Peter Wolf, io sia un po’ innamorata. L’ho sempre adorato nella J. Geils Band e ho invidiato, a ritroso, Faye Dunaway per essere stata la sua prima e unica moglie mentre io frequentavo  ancora le elementari (meritatamente, d’accordo).

1974-peter-wolf_1963498i

Ho iniziato a seguire Peter (sarà il nome?) come solista, negli anni ‘80.

NB: guardatelo nei video dell’epoca su YouTube e ditemi se non era l’uomo più sexy dell’universo.

Negli ultimi anni, Wolf mi ha deliziato con  album bellissimi e densi di canzoni struggenti, introspettive, mordenti anche se trattano di solitudine e vecchiaia. Di quanti potremmo dire lo stesso?

KevinPenthouse-20180821023953

Sul palco, oggi Peter Wolf è un omino magrissimo e instancabile, con un’enorme massa di capelli troppo neri. Possiede un magnetismo animalesco e  una musicalità suadente. Probabilmente ha pure inventato l’Hip Hop e in pochi se ne sono accorti (però mi prendo il merito di essere tra quelli e di averci scritto sopra una cover, parecchi anni fa).

Lo adoro anche perché, a Boston, di recente ha risposto così a un giornalista che gli chiedeva se il Rock è morto: “Ma insomma, gira quest’idea che il Rock sia una roba da giovani. Ma il Rock lo abbiamo inventato noi, perbacco, io e qualcun altro con me e prima di me. E siamo ancora qui. Perciò che volete???” (la foto sotto è voluta, c’è chi è ancora qui e non se ne andrà mai e Peter lo omaggia ad ogni concerto).

screen-shot-2017-10-03-at-44850-pm-93768337-cc6b-4802-961e-80b398b8761c

Peter Wolf ha 72 anni e  una voce a cui non potrei mai resistere. Se potessi, lo supplicherei di prendermi e di portarmi via con lui – anche senza Viagra e non lo scambierei con tre fustini di 25 anni, come nella vecchia pubblicità di “Carosello”.

Battute a parte, in un mondo migliore Peter Wolf sarebbe popolarissimo e amato quanto Bruce Springsteen e Mick Jagger (che non hanno colpe ma solo meriti), invece non è ancora entrato nella Rock and Roll Hall of Fame – il che è ignobile da un lato, ma dall’altro me lo rende ancora più amabile.

Caro vecchio Lupo del Bronx, sappi che io metto te sul podio nel 2018.

E dato che sei single (e ci scrivi sopra canzoni piene di sofferenza), facci un pensierino…

92-og

Lucky Girl in Lucky Town

AC51A593-E5B5-45EB-B680-B722CFEDB089

L’associazione “Bergamo racconta” mi ha invitata alla seconda edizione di “Bergamo racconta Springsteen”, domenica prossima 2 settembre (sopra l’intero programma). Se c’è profumo di Rock, io inseguo la scia.

Ringrazio sin da ora, onorata di essere una presenza femminile tra veri maestri del giornalismo musicale (che, da ragazzina, mi hanno fatto scuola). Non ultimo, tra musicisti: coloro che esprimono più di mille discorsi.

Spero di salutare alcuni di voi, di persona finalmente. Basta social… a domenica!

ps: a breve uscirà il mio nuovo libro, ma di questo parleremo più avanti.

Stay in touch!