Ecco le prime date di presentazioni del mio libro sui Beatles

A grande richiesta, seguono subito i dettagli sulle prime presentazioni del mio libro 4Ever – John Paul George Ringo.

Roma

MERCOLEDI’ 24 FEBBRAIO alle ore 18 al LIBRACCIO DI ROMA (via Nazionale 252-254)

Con me sarà presente JOHN VIGNOLA, giornalista e conduttore radiofonico RAI

cq5dam_web_1280_1280

LUNEDI’ 29 FEBBRAIO alle ore 18 al BALADIN DI MILANO (via Solferino 56)

Con me saranno presenti ENZO GENTILE, giornalista, ROLANDO GIAMBELLI, presidente dell’Associazione Beatlesiani d’Italia, ALBERTO DOSI, collezionista, organizzatore di mostre ed eventi dedicati ai Beatles (ma soprattutto amico fraterno, senza il quale non avrei probabilmente deciso di scrivere questo volume).

Ponti_Firenze

DOMENICA 20 MARZO alle ore 17 all’IBS Bookstore di FIRENZE (via de’ Cerretani 16/R)

Con me sarà presente BRUNO CASINI, giornalista e scrittore

4Ever-John Paul George Ringo

1935809_204555086556071_315996682317584192_n

Il 22 febbraio in tutte le librerie, e su richiesta (oltre che in ebook), esce il mio nuovo libro dedicato ai Beatles solisti, tra discografie complete e vari argomenti, con l’aggiunta di alcune interviste esclusive.

Per seguirmi nelle varie presentazioni (il 24 febbraio a Roma, il 29 febbraio a Milano, il 20 marzo a Firenze e altrove in date da definire), vi invito ad andare sulla pagina Facebook dedicata al volume stesso:

https://www.facebook.com/4Ever-John-Paul-George-Ringo-204544703223776/

 

 

 

(Just Like) Starting Over

 

Wembley-arena-SSE-008

C’è un punto dell’orizzonte oltre il quale le cose che accarezza il nostro sguardo non sono più le stesse. Gli orizzonti riflettono la nostra spinta in avanti, eppure quando spicchiamo il salto ci portiamo dietro tutto il peso del nostro vissuto.

In questi giorni, in tanti abbiamo speso lacrime per alcuni grandi artisti che hanno significato molto nelle nostre vite. Non per le loro hit, ma perché le loro canzoni e l’impeto rivoluzionario con cui hanno cantato il mondo ci hanno preso per mano e fatto coraggio. Ci hanno fatto crescere, riparandoci dai dolori come una tettoia durante il temporale. Ci hanno tenuto al caldo d’inverno e al fresco d’estate.

No, non sarà più lo stesso. Una fetta d’immensità cesellata nelle nostre memorie. E così rovistiamo nei bauli in soffitta, soppesiamo ricordi, abbracciamo immagini antiche e mai sbiadite.

Sto per tornare a Londra. Credo sia giusto ripartire da lì. Rivedere gli Who in concerto avrà un peso diverso in virtù di ciò che è accaduto all’inizio di questo gennaio. Il gelo incombe ma moltissimi cuori si sono riscaldati battendo forte e all’unisono.

A marzo tornerò negli Stati Uniti. Stavolta io e mio figlio, tra uno show e l’altro,  percorreremo un po’ di East Coast. Sono convinta che Pietro imparerà molte cose anche saltando qualche giorno di scuola.

A breve uscirà il mio nuovo libro John Paul George Ringo 4Ever (VoloLibero) e indicherò le date delle prime presentazioni a Roma, Milano, Firenze. Ogni tanto buttate un occhio da queste parti.

Sto già raccogliendo testimonianze e materiale fotografico per quello che sarà il mio prossimo libro, a proposito del quale vi rimando qui al mio articolo di qualche tempo fa, The Who By Fans. Se siete interessati, contattatemi. Tornerò comunque sull’argomento.

Le cose preziose vanno trattate con cura, il tempo non torna indietro.

(My) Word on a Wing

tumblr_inline_o0nalmlW3n1qd0imf_400

Appena rientrata da Londra, sono stata inseguita da una notizia per me molto dolorosa. I motivi sono artistici e personali, legati al mio passato giornalistico ma soprattutto umano. Inutile sintetizzarli ora. Chi possiede un animo sensibile intuirà ciò che provo, chi no pazienza.

Oggi ho ricevuto davvero tanti messaggi e squilli di telefono, anche in considerazione del fatto che una manciata di ore prima eravamo con Morgan, Daniele Pensavalle, Mark Adams e tutti gli altri a celebrare l’uscita di Blackstar, nel cuore di Londra. Ho risposto solo agli amici più cari, non ho più voglia di parlare.

Domani sul quotidiano “Libertà” uscirà una pagina monografica che ho curato citando i piacentini che hanno compreso e amato l’immensità culturale e artistica di David Bowie. Da sempre, non solo oggi.

Per quanto riguarda l’approfondimento di Classic Rock, vi rimando al prossimo numero del mensile in edicola.