I Wanna Be With You Everywhere

 

Fleetwood Mac Performs On NBC's "Today"

Mentre rientro a Brooklyn con la R osservo i viaggiatori notturni. Strane creature che non vedi di giorno, varie e interessanti. Mio figlio, dopo la due giorni di The Classic East al Citi Field, una volta scesi da una 7 stipata, si è finalmente seduto, ha chiuso gli occhi e appoggiato la testa sulla mia spalla. Alla 77th dovrò svegliarlo per dirgli che la prossima fermata è la nostra.

Andare a vedere i Fleetwood Mac in concerto, per me è sempre un’esperienza forte. L’adrenalina mi entra in circolo un paio di gg prima e sembro sotto anfetamine.

Per me, qui a New York era quello con loro, l’appuntamento del cuore. Poche balle. E non è ancora finita, in agenda ce ne sono altri in arrivo, quindi sto ancora tremando, fate un po’ voi. Mi spiace che Stevie riparta subito. Le ho lasciato in mattinata un’arpa di rose bianche in albergo, con una lettera. Sono certa che non sia dovuto al mio gesto, ma il suo “Buonasera!” all’inizio del concerto mi ha strappato un sorriso.

Premetto: quello di ieri sera a New York, secondo me non è stato il concerto migliore dei Fleetwood Mac, anche se ha avuto notevoli punte di diamante. Di questo, e d’altro, però non scriverò qui. Ben presto, saprete dove poter leggere articoli ampi e approfonditi e recensioni sul tema.

Tuttavia, qui il punto non è stendere una classifica dei concerti migliori dei Fleetwood Mac. È tutta un’altra questione che gira attorno a un vissuto, anche (e soprattutto) musicale seppure personale.

Ho spiegato a Pietro, che i Fleetwood Mac se li era già visti a Londra con mamma (quei concerti alla 02 li valuto i loro migliori, almeno sui venti visti sino ad oggi), perché durante ogni concerto dei Mac lui mi vede ridere e piangere. Non che in altri concerti io resti impassibile (oh Dio, se a suonare c’è gente che non mi piace può pure essere), ma – Who a parte e per ovvie ragioni – per me nulla è un’esperienza forte come i Fleetwood Mac.

– Vedi, Pietro, quella signora bionda con i capelli lunghi? Bene, devi sapere che lei ha cantato la vita della tua mamma in tutte le sue canzoni. Ma proprio tutta, sai?

– E vedi quell’angelo con i capelli grigi, che a volte sussurra e a volte si arrabbia? Devi sapere che la rabbia e il dolore, quelli come lui li esprimono soprattutto con le dita sulla chitarra e cantano per fare uscire tutto. Delusioni sparate fuori dal cuore come stelle filanti. Infatti è un mago, quell’uomo lì. Fa le magie con le note.

– E vedi quell’altra signora bionda? Suona il pianoforte come te e ne sapeva moltissimo, sin dall’inizio. Le sue canzoni sono come cioccolatini buonissimi quando ti sentì giù, hanno un’energia allegra e semplice. Perché le cose buone, caro Pietro, nella vita sono proprio le più semplici. Pure And Easy.

– E quell’altro che somiglia a un marinaio? È sceso dalla sua barca e ha preso lo strumento che suona le note più basse, ma è preciso come quando tiene il timone. Sembra serio, invece è molto simpatico, sai? Una volta gli ho parlato.

– Bé… sull’ultimo sai già tutto. Non sta mai fermo. Ti piaceva da matti guardarlo da piccolo anche in tv, con i tamburi e le smorfie in faccia. E ormai so che hai una fissa per il codino, quindi prima o poi te ne farai uno uguale. Cosa sarebbe, l’immaginario, senza Mick Fleetwood?

Insomma, cari miei, io ormai sto arrivando a casa e devo chiudere l’iPad. Ci tenevo a ribadire, a caldo, che questi Fleetwood Mac sono stati una delle gioie più grandi provate da che sono al mondo. E se tornassi sulla terra, andrei a cercarmeli ogni volta. Come i Beatles, il profumo del basilico, la focaccia genovese, la lavanda sulle lenzuola e il vento tra i capelli.

Vi confesso che non sopporterei di finire a letto con qualcuno che non ama i Fleetwood Mac. Ma la questione è ancora più seria: non farei entrare neppure nella mia cucina a bere un caffé, qualcuno che non li sopporta. La vita è breve. Perché gettare il tempo con chi di noi non riuscirebbe a capire un cazzo?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...