The Story of The Who – Ritrovamenti

Il mio libro “The Who – Pure And Easy” (Arcana) è stato recentemente ristampato.

Sugli Who ho scritto parecchio ed anche se “Magic Bus – Diario di una rock girl” (Editori Riuniti) risale al 1999, le mie ricerche storiche risalgono a qualche anno prima. Quando tartassavo Pete di lettere, domande e ricostruzioni, che tentavano di certificare basandomi su articoli o altre pubblicazioni e  capire, insieme a lui, quante cose fossero vere e quante incompiute. E’ stato un enorme privilegio, lo so benissimo.

Pete mi ha insegnato la generosità. Mi ha insegnato che un pass condiviso è una duplice gioia e che un’esperienza molto bella non va tenuta nascosta o sfoggiata come un vanto. Va distribuita perché il flusso dell’energia positiva funziona così. L’egoismo chiude le porte e attira negatività, l’altruismo mette in gioco e solo rischiando si può crescere – sì, credo che Meher Baba c’entri parecchio in tutto questo. Ma anche il mio amato Buddismo. The Sea Refuses No River. 

Dopo “Pure And Easy”, qualcuno mi ha chiesto: “Com’è stato collaborare con Pete?” Bé, è stato meraviglioso. Soprattutto gli incontri, è ovvio, ma anche i nostri scritti. E mi rendo conto di quanti altri libri potrei scrivere sugli Who, in base alle cose che lui mi ha raccontato in tutti questi anni. E’ scoccato il 2017: la prossima estate festeggerò i 35 anni della mia prima vacanza a Londra – o, per meglio dire, a Twickenham. Sembra passato un secolo, eppure sta tutto più che mai dentro al cuore.

NB: fino a pochi anni fa, si scriveva ancora a macchina. Come dimostra uno dei fogli che ho ritrovato nel magico baule dove tengo tutte le nostre lettere, in via San Siro. 35 anni di lettere di tutti i generi. Persino lo scorso Natale, in piena era tecnologica, mi sono arrivati gli auguri scritti a penna. Allora ho pensato ai tanti messaggi copia/incolla e social che ci scambiamo. E il suo stile mi è ancora più caro. “E’ perché tu lo adori”, mi son sentita dire. No, è vero il contrario: “E’ perché lui è così, che io lo adoro”.

Vi concedo questa pagina:

20161229124828405_0011

Advertisements

Un pensiero su “The Story of The Who – Ritrovamenti

  1. Raffaele Lombardi

    Pete che descrive l’dea di suonare la top 10 e ricorda le date d’ingresso nelle charts dei brani di Gerry è impagabile.
    Un regalo bellissimo. Grazie per aver voluto condividere uno dei vostri ricordi con noi.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...