The Rock

image

 

Siete passati per di qua in parecchi, ma scrivere degli Who per me non è mai stata una gara di velocità. Dopo aver fatto l’amore con la persona che ami, non posti commenti su Facebook e non alzi il telefono per parlarne agli amici. Apri la finestra e guardi il cielo. Passeggi calpestando le foglie. Respiri l’universo.

L’altro giorno a Bologna, Francesco (che mi ha chiesto una dedica ma avrei dovuta chiederla io a lui), ha osservato: “In questi giorni, sparisci dal social invece di ripostare le copertine dei tuoi libri”. Ci mancherebbe… lo spazio adesso è tutto per la musica – e che musica!

Di questi giorni e di queste emozioni – condivise con Francesco, Marco, Gabriele, Michele, Antonio, Maurizio, Alessandro, Roberto, Graziella, Filippo, Paolo, Roberto, Bruno, Giuseppe, Tony, Naska, Claudio, Danilo, Angela, Leonardo, Sasà, JP… – si tornerà a scrivere. Magari quando gli altri avranno finito di stendere l’elenco telefonico delle canzoni e smesso di confondere Pete con Roger (Who’s Talking?)

Ma tutto ciò nulla può cambiare nei nostri cuori. Pensiamo a The Rock: è un brano strumentale eppure dice TUTTO.

Ci si becca più tardi. Senza difese.

 

* Un immenso grazie per le belle foto, e per la sua generosità, a Leonardo Rescic. L’autenticità è la qualità più preziosa di un essere umano (indovina chi me l’ha insegnato, attraverso la sua musica). You’ve got a friend

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...